Come memorizzare

Tenere in memoria” è un’espressione che usiamo e che indica bene quello che anche le ricerche scientifiche hanno utilizzato come esempio del nostro memorizzare, per rappresentare cioè l’idea di una sorta di “magazzino” nel nostro cervello dove vengono raccolte le numerose informazioni.

Quanto più avremo consolidato nel tempo queste informazioni, tanto più le andremo a recuperare in modo ottimale nel nostro “magazzino”. In questa azione di “consolidamento” vengono in aiuto le varie modalità con cui memorizziamo qualcosa, in modo naturale e non, per un tempo lungo.

Il cosa dobbiamo memorizzare e il perchè possono fare una grande differenza.
Per alcuni potrebbe essere più facile tenere in memoria qualcosa che davvero li interessa molto, a livello cognitivo oppure a livello emotivo. Di nuovo vediamo così entrare in scena il tema della motivazione, fattore determinante che influenza le nostre prestazioni, inclusa la nostra capacità di memorizzare qualcosa.

Se, nonostante i nostri interessi, rimane comunque molto difficile per noi memorizzare un’informazione, la quantità o la qualità di tale argomento potrebbe essere l’elemento che ci spinge oltre i nostri limiti.
In questi casi è allora utile utilizzare delle strategie per sostenerci in questi compiti che vanno al di là delle nostre possibilità.

Le mnemotecniche o tecniche di memorizzazione sono delle procedure che seguiamo per aiutarci a tenere in memoria ciò che abbiamo bisogno di apprendere.

In modo naturale, senza accorgercene, noi già usiamo delle strategie per memorizzare ogni tipo di contenuti, e senza bisogno di qualcuno che ci insegni come fare. In questo caso facciamo riferimento, ad esempio, a:

  • associazioni
  • categorie
  • visualizzazioni
  • rime
  • acronimi e acrostici

Quelle che invece chiamiamo “mnemotecniche” hanno delle strutture artificiose, che dunque non usiamo in modo spontaneo, ma per impararle necessitiamo di un apprendimento a parte. Mi riferisco, ad esempio, a:

  • metodo dei Loci
  • metodo fonetico
  • Peg System

Vedremo ciascuna di queste tecniche nel dettaglio.

E’ bene sottolineare che qualunque tecnica o strategia si scelga di utilizzare, è fondamentale che non venga modificata nel corso del processo di memorizzazione.
Questo vuol dire, ad esempio, che se applico nella prima fase di studio una tecnica particolare per memorizzare certe informazioni, non potrò durante la seconda fase, di consolidamento e quindi di rievocazione, scegliere un’altra tecnica, diversa da quella usata in prima battuta per lo stesso argomento.

Iniziamo ora a vedere nei prossimi post le varie possibilità di questa che è tra le più note strategie utilizzate nello studio, la memorizzazione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s